Le persone continuano a non investire nel mercato statunitense a fronte di titoli che raggiungono i loro record

Advertisements

Mentre il mercato azionario statunitense è quasi al suo massimo storico, agli investitori non sembra importare.

L’S&P 500 (SPX), che viene utilizzato per misurare il mercato azionario statunitense, è salito quest’anno di oltre il 4,5%, e ha quasi raggiunto il massimo mai raggiunto mercoledì 12 febbraio. Ma gli investitori rimangono molto cauti, soprattutto a causa dell’incertezza politica, dei rischi geopolitici e dell’epidemia di Coronavirus, ancora molto incerta in termini di conseguenze economiche.

Advertisements

« I livelli dei fondi del mercato monetario sono ancora ai livelli del 2009, anche se hanno registrato un picco per tutto l’anno scorso », ha detto Brent Schutte, principale stratega degli investimenti della Northwestern Mutual.

Gli asset dei fondi hanno raggiunto i 3,6 trilioni di dollari, che è il livello più alto degli ultimi 10 anni, anche se non così alto come i 3,9 trilioni di dollari raggiunti nel gennaio 2009.

Dopo la crisi finanziaria e la recessione, gli investitori sono molto cauti anche se il mercato statunitense è un investimento ideale grazie alla sua forte economia e alla bassa inflazione.

Secondo gli esperti, è ora che gli investitori smettano di preoccuparsi e seguano tutti gli altri. « C’è ancora molta liquidità a margine, ed è per questo che penso che i mercati potrebbero ancora muoversi più in alto », ha detto Schutte.

E anche se la guerra commerciale USA-Cina è una preoccupazione che impedisce alla gente di investire, il fatto che i due paesi si sono impegnati in un accordo commerciale di ‘fase uno’ ha aiutato ad alzare le azioni e a chiarire alcune incertezze di parecchio.

« Essere fuori dal mercato in questo momento è uno dei più grandi errori che si possono commettere », ha detto Matt McCall, fondatore e presidente del Penn Financial Group.

Advertisements